Il Benefattore di Emozioni

Immagine di copertina di Barbara Ferrarese & Beatrice Cordara
Immagine di copertina di Barbara Ferrarese & Beatrice Cordara

A trent'anni dalle “notti magiche” di Italia '90, un grande thriller internazionale

Qualcuno era bambino, qualcuno era già grande, qualcun altro ancora ne ha solo sentito parlare: in ogni caso, tutti conserviamo il ricordo, reale o indiretto, di quelle “notti magiche” di tre decenni fa. I Mondiali, seguiti alla radio o alla TV (ancora con il tubo catodico) tra speranza e tensione, hanno segnato l’inizio dei mitici Anni ‘90, ma la Storia e le storie hanno sempre due facce, e mentre il conquistador tira un calcio a un pallone tra ola e cori da stadio, un misterioso individuo, al di qua dello schermo, minaccia di turbare un equilibrio già instabile… L’autunno Buendia si tinge di thriller e possibilità e, grazie alla scrittura graffiante e allo stile acuto e travolgente di Luca Platini, vola assieme ai lettori fino all'estremo sud della Spagna, in compagnia di personaggi poliedrici e indimenticabili. Il caldo è torrido, il sole batte impietoso, ma le ombre non mancano: tutto può accadere e nulla è ciò che sembra.

 

«Non se la prenda. Il calcio è un gioco vietato agli immortali.»

Ma la tesi non gli andava a genio, anzi.

«In campo c’è un conquistador, uno poco abituato a perdere. Presto giocherà in casa, all’ombra del Vesuvio, e Iddio solo sa cosa accadrà quando quel nanerottolo col numero dieci sulle spalle tornerà a calpestare le zolle del suo stadio davanti alla sua gente.»

 

Il Benefattore di Emozioni di Luca Platini

Una coppia di ladruncoli in tour per le periferie di mezzo continente. Un imprenditore cui è stato rapito l’unico erede. Un investigatore alle prese con una precoce arteriosclerosi. Un oste incapace di credere all'anima gemella. Un pittore sulla via dell’ispirazione perduta. Due

sposini in viaggio di nozze. Una vedova in cerca di un nuovo legame con il figlio. Un commissario cui la fortuna volta improvvisamente le spalle. Quattro universitari in trasferta per un addio al celibato.

Tante storie normali dentro una grande storia, piccole strade destinate a incrociarsi.

Nelle “notti magiche” dei Mondiali di calcio di Italia ‘90, un piccolo centro all'estremo sud della Spagna diventa il teatro di un bestiario di vite sospese, che si intersecano pagina dopo pagina.

Nel frattempo giornali, radio e televisioni si interrogano su un crescendo di azioni eclatanti che avvengono in tutta Europa, rivendicate da un gruppo capeggiato da un individuo che si firma “Il Benefattore di Emozioni”.

Una follia oscura che sembra lontana anni luce. Ma in un lampo le distanze possono azzerarsi e solo allora, troppo tardi, si realizza di essere tutti in pericolo.

 

L'autore

Luca Platini è nato nel 1979 a Borgomanero, in provincia di Novara. Da vent'anni si occupa di giornalismo e comunicazione multimediale. È impegnato all'interno di associazioni nella promozione del territorio dell’Alto Piemonte attraverso l’organizzazione di eventi e la valorizzazione della gastronomia, della tradizione e della cultura locale. Dopo Ovunque e da nessuna parte (La Riflessione, 2008), con Il Benefattore di Emozioni è al suo secondo romanzo.

Scrivi commento

Commenti: 0