I più letti

Top Gourmet

Top story

Calcio e Legge



Blog Gourmet

L’equivoco Eriksen sugli scudi: è lui il ‘Calciobidone’ 2020

Eriksen e Douglas Costa: vincitore e Jolly del Calciobidone 2020
Eriksen e Douglas Costa: vincitore e Jolly del Calciobidone 2020

Il centrocampista dell’Inter, stabile panchinaro nonostante l’importante investimento del club, vince la palma di peggiore dell’anno. Il milanista Paquetà al secondo posto, mentre nel 'Jolly' prevale Douglas Costa che precede Babacar.

Per l'ennesima volta (la settima, in dodici edizioni del sondaggio), a vincere il titolo di Calciobidone, il calciatore straniero più deludente dell’anno (titolo a cura del portale Calciobidoni.it), è un interista. E' infatti Christian Eriksen, alla fine, a spezzare nel 2020 l'equilibrio del premio che nell’ultimo biennio si era tinto di giallorosso, prima con il milanista Kalinic che proseguì il suo periodo negativo proprio alla Roma (e oggi al Verona), e poi dal ceco Schick. L'ultimo nerazzurro a vestire il titolo di Calciobidone fu Gabigol nel 2017 (anche se nel 2018 Joao Mario fu nominato 'Jolly'). Il Calciobidone (realizzato in collaborazione con le testate Calcio Gourmet, Fantacalcio, Guerin Sportivo e Delinquenti prestati al mondo del Pallone) viene assegnato ad un danese per la seconda volta: Eriksen, inserito nella Flop Ten dalla Giuria – che conta, tra gli altri, Darwin Pastorin – fu preceduto da Bendtner, che “trionfò” nel 2013.

 

 

leggi di più 0 Commenti

Intervista a Francesca Mogavero, editrice di Buendia Books

Copertina de "Il Benefattore di Emozioni"
Copertina de "Il Benefattore di Emozioni"

Il panorama italiano delle case editrici è molto vario e tra di esse capita di trovare delle vere e proprie chicche. Proprio questi editori sono un esempio per il movimento letterario italiano, per la passione dei team che li compongono ed i contenuti pubblicati.

Abbiamo avuto il piacere di approfondire la conoscenza di Buendia Books, casa editrice piemontese, indipendente e non a pagamento, ben radicata nel territorio piemontese ed editrice di libri venduti sia nelle librerie piemontesi, che su internet.

Il nome Buendia è ripreso dal colonnello Aureliano di Cent’anni di solitudine, personaggio rivoluzionario, audace, ma capace ancora di incantarsi di fronte alle piccole cose. Il simbolo di Buendia Books è una farfalla gialla, la prima che spicca il volo alla fine dell’inverno.

Abbiamo intervistato Francesca Mogavero, editrice di Buendia Books, che ha risposto alle nostre domande, con particolare riferimento al libro Il benefattore di emozioni di Luca Platini, tra i best seller del 2020 di Buendia Books.

leggi di più 0 Commenti

Le leggende della Roma

"Ciò che pe' l'artri è storia, pe' noantri so' fatti de famija". Cesare Pascarella

 

Contenuto

Cosa rende una Leggenda giallorossa davvero leggendaria? La classe, certo. Ma anche l’amore dato e ricevuto per la maglia. È un mondo romantico fatto di valori e d’appartenenza, quello romanista. Ricco d’emozione e sentimento, animato da un’aneddotica straordinaria, figlia di una città e di uno spirito insieme ironici, poetici, tragici. Le Leggende della Roma sono, dunque, grandi campioni: i Losi, Falcão, Di Bartolomei, Rocca, Conti, Totti, De Rossi… ma anche Angelino Cerretti, storico massaggiatore figura portante dello spogliatoio, o le stesso Campo Testaccio, dodicesimo “uomo” tra gli uomini. È ai tifosi della Roma che è dedicato questo volume. Coloro che hanno reso campioni straordinari e onesti lavoranti ugualmente grandi, con lo stesso infinito amore. Perché – com’è ben chiaro dal 1927 ad oggi – la Roma non si discute, si ama.

leggi di più 0 Commenti

Dicembre, tempo di flop: si vota il ‘Calciobidone’ 2020!

Arriva la dodicesima Edizione del sondaggio di Calciobidoni.it nemesi del Pallone d’Oro. Nella Flop Ten un incredibile equilibrio con una coppia a testa per Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli.

 

E’, ormai da anni, l’anti-Pallone d’Oro per eccellenza: da dodici anni il Calciobidone – il cui “campione” in carica è l’ex romanista Patrick Schick – si propone di eleggere il giocatore straniero più deludente dell’intera Serie A. E per farlo, come ormai da tradizione, il portale Calciobidoni.it si affida alle storiche partnership, che lo affiancano in perfetta sinergia: il sito di riferimento Fantacalcio.it, la rivista Guerin Sportivo e quella presente in Edicola da oltre vent’anni, Calcio 2000 (fondata da Marino Bartoletti). Senza dimenticare il web con i Delinquenti prestati al mondo del Pallone e una rilevante novità: la Redazione del Blog Calcio Gourmet.

 

 

leggi di più 0 Commenti

Le leggende del Napoli

«Se non giochi nel Napoli e non conosci la pazzia della sua gente per la squadra, non puoi sapere cos’è il calcio».

 

Contenuto

Napoli è il Napoli, passando attraverso i napoletani: nessun club ha un intreccio così solido, viscerale ed eterno come quello nato sotto il Vesuvio quasi un secolo fa. Il fenomeno ha una sua logica: a differenza di Milano, Torino, Roma, Genova (e finanche Verona), Napoli è l’unica grande città ad avere una sola squadra. Due scudetti, cinque Coppe Italia, due Supercoppe italiane, una Coppa Uefa, milioni e milioni di tifosi sparsi per il mondo: questa è la società calcistica meridionale più titolata a livello nazionale e internazionale e anche la più presente nei campionati di serie A. Da Sallustro a Mertens incrociando Vinicio, Sivori, Juliano, Pesaola, Ferrara, Careca, Maradona, Hamsik, Cavani, ecco la storia azzurra raccontata con aneddoti e gesta dei suoi personaggi più rappresentativi. Passione, sogni, speranze, miracoli e delusioni: il Napoli è Napoli, e viceversa. Una città, un popolo, una squadra

leggi di più 0 Commenti

Intervista a Cristian Vitali e Maurizio Targa, autori di "UndiciMetri"

Calciobidone, Calciobidoni - non comprate quello straniero ed ora UndiciMetri: la creatività letteraria di Cristian Vitali è senza confini!

UndiciMetri è l'ultimo progetto letterario di Vitali, accompagnato dall'esperto di calcio italiano Maurizio Targa, giornalista con esperienza in RAI e scrittore di tutto rispetto. Come facilmente intuibile dal titolo, il libro tratta la storia dei metri calcistici più famosi ed iconici: quelli del calcio di rigore.

Abbiamo intervistato questa coppia di scrittori, che per cultura calcistica ed originalità nell'esposizione rappresenta un formidabile compendio di conoscenza sportiva ed ironia.

L'intervista è stata realizzata coinvolgendo entrambi gli autori, che ringraziamo per la rinnovata stima e simpatia dimostrata nei confronti di Calcio Gourmet.

leggi di più 0 Commenti

Le leggende del Milan

"Il Diavolo ha tutte le carte in regola per tornare a dire la sua nel calcio che conta. E l’istinto del tifoso mi sussurra che forse l’ennesima rinascita si avvicina. Forza vecchio cuore rossonero"

 

Contenuto

Il Milan è la squadra italiana che ha vinto più trofei in campo internazionale grazie a una serie di campioni dal talento straordinario e di stelle del calcio conosciute in tutto il mondo. Dall’inglese Herbert Kilpin al cannoniere svedese Gunnar Nordahl, dal barone Niels Liedholm, esempio di sportività, a José Altafini, autore della doppietta che laureò il Milan prima squadra italiana sul tetto d’Europa, da Cesare e Paolo Maldini, padre e figlio che alzarono entrambi la Coppa dei campioni a quarant’anni di distanza l’uno dall’altro, a Gianni Rivera, primo giocatore nato in Italia a vincere il Pallone d’oro. E poi Franco Baresi, Ruud Gullit, Marco van Basten, fino ad arrivare al bomber ucraino Andriy Shevchenko e a Kaká, sintesi di potenza atletica e classe sopraffina. Tutto ciò è confluito nelle pagine che seguono, nient’affatto asettiche e imparziali, semmai impregnate di un sentimento profondo. Un libro di parte, scritto da un milanista per i milanisti, che ripercorre la storia del Diavolo e delle leggende che hanno fatto sognare milioni di tifosi.

leggi di più 0 Commenti

Il Benefattore di Emozioni

Immagine di copertina di Barbara Ferrarese & Beatrice Cordara
Immagine di copertina di Barbara Ferrarese & Beatrice Cordara

A trent'anni dalle “notti magiche” di Italia '90, un grande thriller internazionale

Qualcuno era bambino, qualcuno era già grande, qualcun altro ancora ne ha solo sentito parlare: in ogni caso, tutti conserviamo il ricordo, reale o indiretto, di quelle “notti magiche” di tre decenni fa. I Mondiali, seguiti alla radio o alla TV (ancora con il tubo catodico) tra speranza e tensione, hanno segnato l’inizio dei mitici Anni ‘90, ma la Storia e le storie hanno sempre due facce, e mentre il conquistador tira un calcio a un pallone tra ola e cori da stadio, un misterioso individuo, al di qua dello schermo, minaccia di turbare un equilibrio già instabile… L’autunno Buendia si tinge di thriller e possibilità e, grazie alla scrittura graffiante e allo stile acuto e travolgente di Luca Platini, vola assieme ai lettori fino all'estremo sud della Spagna, in compagnia di personaggi poliedrici e indimenticabili. Il caldo è torrido, il sole batte impietoso, ma le ombre non mancano: tutto può accadere e nulla è ciò che sembra.

 

leggi di più 0 Commenti

Francesco Totti. Solo un capitano

Totti sfavilla come l’ennesimo re di Roma a cui spetterebbe una fermata della metro dopo quella di Furio Camillo. Fulvio Abbate, scrittore

 

Nessun calciatore in epoca moderna è stato tanto legato alla sua città e alla sua squadra come Francesco Totti con Roma e la Roma. Così facendo è diventato un simbolo tanto dei colori giallorossi come dei luoghi dove è nato e cresciuto. Un rapporto quasi viscerale che l'ha trasformato in una sorta di "re aggiunto" e un personaggio conosciuto in tutti gli ambiti. Insomma, un volto quasi di famiglia, non solo nella Capitale. Ripercorreremo quindi la lunghissima carriera di colui che da "Pupone" è cresciuto fino a diventare il capitano della Roma, la squadra per cui ha sempre fatto il tifo e con cui ha vinto lo storico scudetto nel 2001, e campione del mondo con l'Italia nel 2006 recuperando da un tremendo infortunio. Oltre vent'anni di alti, soprattutto, e bassi, fino al ritiro: un lungo periodo in cui Francesco Totti è stato un attore non secondario nella storia del Paese, non solo calcistica.

leggi di più 0 Commenti

Quando l'architettura incontra il calcio

In questo articolo vogliamo trattare una delle tendenze ad oggi più visibili dopo l'ondata di kit 2020/21, ovvero l’accostamento tra squadre di club e dettagli storico-artistici delle città di appartenenza.

Non siamo di fronte ad una novità assoluta, a dire la verità, in quanto già Nike, nella stagione 2018/19, aveva utilizzato come motivo preponderante l'urbanistica.

Infatti, se ben ricordate, sulle terze maglie di Atletico Madrid, Barcellona, Roma e Tottenham il brand di Beaverton aveva scelto rispettivamente la fontana di Nettuno in Plaza de Cánovas del Castillo, Avinguda Diagonal, la mappa della Città Eterna e l'area di Borough of Haringey per omaggiare le metropoli di riferimento. Indimenticabile, inoltre, l'omaggio al marmo del Duomo di Milano sulla terza maglia dell'Inter. Nike, quindi, ha fatto da apripista, e ora è soprattutto Puma a percorrere lo stesso sentiero, tanto da nominare la campagna stilistica della stagione appena iniziata “Crafted from culture”.

leggi di più 0 Commenti